mercoledì 17 dicembre 2014

Belle Histoire, figli improbabili della dolce époque

Yves Montand, Dalida, Gainsbourg, Charles Aznavour, Mina, Joe Dassin, Claude Francois, Brigitte Bardot, Patty Pravo. E ancora France Gall, Mireille Mathieu, Françoise Hardy. Ed Edith Piaf. Ammiratori acquisiti della dolce époque nella Côte d'Azur, i Belle Histoire crescono alle melodie ascoltate sui 45 giri, quelli col Lato A consumato dai giradischi dei genitori. Quelle che hanno accompagnato i meravigliosi anni della seconda Belle Epoque francese e della Dolce Vita italiana. Le melodie che ancora oggi fanno rivivere gli anni '50 e '60.




Il progetto Belle Histoire nasce nel 2013 con l’intenzione di proporre un repertorio di grandi classici di quell’epoca eseguiti in puro stile “Riviera”, che in quegli anni si poteva ascoltare nei juke box tra i caffè della Promenade di Nizza o di Piazza di Spagna, sulla Croisette di Cannes, lungo la baia di Saint-Tropez o sorseggiando un apéritif nella piazzetta di Valbonne o al Piper di Roma.
La ricerca artistica dei Belle Histoire è sia stilistica che sonora: gli strumenti rigorosamente acustici privi di qualsiasi effetto e i brani, magistralmente interpretati in lingua originale da Federica Vino, donano incantevoli atmosfere d’altri tempi.





La tracklist comprende classici del café chantant francese, standard internazionali, rivisitazioni di brani traditional tra cui:


La vie en rose 
La foule
La javanaise
Je ne veux pas travailler 
Une belle histoire
Comme d’habitude 
Sapore di sale
I’ve got you under my skin 
Se telefonando
Come prima 
La voglia la pazzia 
In cerca di te


... e molti altri ancora


Ecco un breve "assaggio musicale": il Making of in Studio di Registrazione di "Zou Bisou Bisou"




DoReMi Sposi
Musica per il Matrimonio